ALESSANDRIA – La sinergia tra Comune di Alessandria e Azienda Ospedaliera ha definito un percorso per la risoluzione di un problema non più rimandabile: la sicurezza a piazzale Berlinguer, il parcheggio vicino all’ospedale alessandrino teatro nel recente passato di numerosi episodi di aggressioni verso cittadini e operatori sanitari. Con una delibera di giunta, infatti, l’amministrazione di Alessandria si è impegnata ad avviare un progetto per l’installazione di un impianto di illuminazione e di videosorveglianza. I lavori saranno finanziati grazie ai 154 mila euro già stanziati dall’Azienda Ospedaliera per l’ampliamento del parcheggio. Anziché aggiungere 83 stalli si è deciso di investire sulla messa in sicurezza dell’area: per questo Palazzo Rosso ha sciolto il vincolo che obbligava l’Ospedale ad avviare i lavori per la realizzazione dei posti auto.

  Continua dopo il banner

adv-581

Soddisfatti il sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco e il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Giovanna Baraldi. “Il problema è risolto” ha detto il primo cittadino “una questione nata nel 2001 e che aveva provocato una sorta di disputa tra i due enti. Già dieci giorni dopo il mio insediamento mi ero messo in contatto con la dottoressa Baraldi per lavorare a una soluzione.” “Sono molto soddisfatta” ha aggiunto la stessa dirigente del nosocomio alessandrino “ringrazio gli uffici dell’Ospedale e del Comune che, insieme, hanno fatto chiarezza sulla questione.”

Sui tempi di realizzazione, però, non tutte le incognite sono state risolte. “Pochi mesi” ha sottolineato il vicesindaco Davide Buzzi Langhi. “I due progetti per l’illuminazione e la videosorveglianza potrebbero essere completati entro la primavera del 2018ha ipotizzato il dirigente del Comune di Alessandria Marco Neri “si tratta comunque di procedure snelle.”

Più a lungo termine, invece, l’altro scenario avanzato dal vicesindaco, Davide Buzzi Langhi: la costruzione di un parcheggio multipiano. “In questo caso, però, è indispensabile la collaborazione con un soggetto privato, attraverso un project financing.”