A Novi Ligure approvato il bilancio di previsione 2021/2023
adv-897

NOVI LIGURE – Con la partecipazione attiva di tutti i componenti del Consiglio e della Giunta comunale, a Novi è stato approvato il Bilancio di Previsione 2021-2023 e le varie delibere ad esso correlate, compreso il Documento Unico di Programmazione. La votazione finale ha fatto registrare i voti favorevoli di Lega Salvini Novi Ligure, Forza Italia e Fratelli d’Italia, contrari Democratici per Novi e Movimento 5 Stelle, astenuti Solo Novi. Nelle dichiarazioni di voto i Capigruppo hanno sintetizzato le opinioni espresse durante la discussione dei vari provvedimenti.

Secondo Simone Tedeschi dei Democratici per Novi il bilancio presenta diverse criticità, a cominciare dal taglio dei fondi alle associazioni culturali fino a scelte più incisive quali la manovra fiscale relativa a Tari e Imu. “Il vero problema – ha sottolineato il Capogruppo Dem – è che il dibattitto ha fatto emergere la debolezza politica della Giunta e le divisioni interne alla maggioranza, elementi che hanno causato un atteggiamento di immobilismo su questioni fondamentali quali quelle della vicenda Cit, della gestione degli impianti sportivi e delle imposte comunali”. A seguire è intervenuto Marco Bertoli il quale ha spiegato come l’astensione del gruppo Solo Novi “non sia frutto di nessun accordo con la maggioranza, bensì conseguente ad alcune richieste, avanzate a gran voce dalla città e delle quali il gruppo si è fatto interprete, che sono state accolte all’interno del bilancio”. L’intervento di Lucia Zippo ha sottolineato come il bilancio contenga diversi punti non condivisibili. Il Capogruppo del Movimento 5 Stelle, in particolare, ha espresso “perplessità sull’effettiva possibilità di recuperare l’evasione fiscale e sul successivo impiego di tali risorse”.

adv-913

Giacomo Perocchio ha dichiarato che tutte le forze di maggioranza si sono sempre assunte le proprie responsabilità in un anno estremamente difficile caratterizzato dall’emergenza sanitaria in corso. Il Segretario cittadino della Lega, poi, ha messo in evidenza alcune importanti scelte fatte per il bene della città. Tra queste le innovazioni in campo informatico per il lavoro agile che porterà benefici ai cittadini, il Bonus Novi erogato a 140 attività che ha reimmesso 140 mila euro nell’economia del territorio, e la distribuzione dei buoni spesa a più di 700 nuclei familiari. “Tra i punti centrali della manovra” – ha evidenziato Perocchio – “rientra il taglio dell’Imu per le attività produttive, per le imprese con under 40 e per immobili con contratto di locazione commerciale per i quali il locatore ridurrà l’affitto mensile”. Perocchio, infine, ha annunciato che il 2021 sarà un anno cruciale per quanto riguarda le opere pubbliche legate al Terzo Valico, i lavori per la manutenzione (che comprende anche il piano di abbattimento delle barriere architettoniche) e diversi interventi rivolti all’edilizia scolastica e all’agibilità e alla sicurezza di palestre e impianti sportivi.

Il Consiglio comunale ha anche approvato la Nota di aggiornamento al DUP e il bilancio di previsione 2021-2023, documenti essenziali per il rilancio della città. Riduzione dell’IMU per tutelare i commercianti e le imprese, contenimento dell’aumento della Tassa rifiuti grazie all’utilizzo di risorse comunali che toglie il maggiore costo 2020 destinato a ripercuotersi sui cittadini nei prossimi anni, sviluppo degli investimenti con numerose iniziative che daranno anche nuova occupazione al territorio, riorganizzazione della macchina comunale, con maggiore efficienza e nel contempo con l’aumento razionale della forza lavoro, innovazione tecnologica, tutela della scuola, rilancio del turismo. Sono solo alcuni dei numerosi interventi programmatici contenuti nel documento di bilancio, che si presenta in perfetto equilibrio finanziario.

«Siamo soddisfatti del lavoro svolto” dichiara l’Assessore alle Finanze Maurizio Delfino,abbiamo dimostrato di saper approvare in tempi ragionevoli un documento importante, di rilancio della città in un momento di grande difficoltà per crisi economica e sociale conseguente la pandemia. Siamo vicini ai nostri cittadini con iniziative concrete, che vedranno a breve l’erogazione di 300.000 euro per il bonus alimentare, che beneficeranno della riduzione dell’IMU e dei relativi incentivi volti a ridurre la pressione tributaria e che hanno già visto l’erogazione di n. 145 bonus da mille euro per ogni impresa e categoria economica in difficoltà, oltre a tanti altri aiuti diretti e indiretti al commercio, come la sosta libera per quasi un mese sotto le festività natalizie. Parliamo con i fatti concreti – conclude Delfino -, il migliore modo di comunicare alla città dimostrando grande attenzione per le esigenze dei novesi».