piacenza_alessandria
adv-76

PIACENZA-ALESSANDRIA 4-0

Marcatori: Bertoncini, Ferrari, Terrani (rig), Porcari

PIACENZA – Si ferma nel peggior modo possibile la striscia positiva dei grigi di mister Alberto Colombo. Dopo una vittoria e quattro pareggi l’Alessandria crolla 4-0 sotto i colpi di un Piacenza spietato nell’evidenziare tutti i limiti della squadra mandrogna, troppo sterile in attacco e imprecisa in fase di impostazione.

adv-274

Primo tempo da incubo per la squadra di mister Colombo. Bastano pochi giri di lancette e gli emiliani sono già avanti con un colpo di testa di Bertoncini vincente da una punizione. La palla prende una traiettoria insidiosa che beffa un Cucchietti non impeccabile. La reazione dei grigi si concretizza solo in un destro da fuori di Gemignani, potente ma centrale, al 10^. Il Piacenza gestisce il vantaggio con esperienza e raddoppia al 29^ con Ferrari. Ancora una volta le palle inattive sono fatali per i mandrogni: il bomber biancorosso svetta su una difesa grigionera colpevolmente distratta. Poco dopo i padroni di casa calano il tris: su un cross di Nicco Maltese allarga il braccio e colpisce la palla al limite dell’area di rigore. L’arbitro decide che l’ex Pisa si trova al di qua della linea e sancisce la massima punizione: Terrani spiazza Cucchietti e il Garilli fa festa. Prima dell’intervallo arriva l’unico vero squillo dei grigi: Tentoni prova il destro al volo da fuori e Fumagalli deve superarsi per deviare la sfera alla sua destra.

Nella ripresa l’Alessandria parte bene e Bellazzini scalda le mani a Fumagalli con un bel sinistro e De Luca non ne approfitta di testa da pochi passi. Il numero 9, comunque, era in offside. Al 60^ ancora De Luca ha sul destro la palla dell’1-3 ma la sua deviazione su un cross dalla fascia è troppo debole e Fumagalli si supera, sbarrando di nuovo la strada alla punta scuola Torino. Al 69^ arriva il poker: lo cala il neo entrato Porcari con un gran destro da fuori. I grigi vorrebbero il gol della bandiera ma la serata è stregata: al 73^ Santini si allunga il pallone ma riesce comunque a crossare dalla linea di fondo. De Luca e Maltese quasi si ostacolano e la palla finisce fuori di poco.

Nei minuti finali gli emiliani volano sulle ali dell’entusiasmo e Della Latta, Corazza e Barlocco falliscono occasioni ghiotte per incrementare il punteggio e rendere ancor più amaro il passivo. 

adv-525

Da segnalare, alla fine, i cori encomiabili dei tanti tifosi alessandrini in trasferta, a sostegno della squadra nonostante la pesante batosta.

L’Alessandria resta inchiodata a quota 33 punti. Martedì si torna subito in campo: per Gazzi e compagni arriva l’occasione giusta per voltare subito pagina ma vista la caratura dell’avversario, la Pro Vercelli, i grigi partiranno di nuovo senza i favori del pronostico.