PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Tantissimi gli eventi per questa domenica, 13 gennaio 2019, che sarà contornata da bancarelle, spettacoli teatrali e mostre.

A Novi Ligure si corre per la Pernigotti e l’IperDì. La manifestazione podistica “ludico motoria ricreativa” attraverserà le vie di della città lungo un percorso di circa 4,5 km. L’organizzazione è a cura di “Correre per…” e “Comitato Sport in Novi”, con il patrocinio del Comune e la collaborazione tecnica dell’Atletica Novese. Ritrovo ed iscrizioni alle ore 8, di fronte allo Stabilimento Pernigotti in Via Crispi. La partenza è prevista per le 10.

A Casale Monferrato, dove, per tutta la giornata, ritornano le bancarelle di antiquariato al Mercato Pavia, una struttura in stile liberty incastonata nel cuore della città. Il mercatino vanta oltre 300 stand pieni di quadri, libri, oggetti d’arte, mobili e molti altri oggetti. Pezzi pregiati e spesso introvabili, usati e da collezione, lo rendono uno dei più grandi d’Italia nonché un appuntamento fisso per curiosi e appassionati.

Sempre Casale Monferrato, come ogni mese, apre le sue porte ai visitatori con “Casale città aperta“, la tradizionale iniziativa organizzata per far conoscere i monumenti cittadini.
Dalle 10  potrete visitare la Cattedrale di Sant’Evasio, la chiesa di San Domenico (dalle ore 15 alle 17,30), la chiesa di Santa Caterina (con annessa la mostra Passione Presepi), il Teatro Municipale, la Torre Civica e la chiesa di San Michele.
“Aperto” anche il Castello di Casale dove si potranno visitare le mostre gratuite “Tracce di cemento: il carnet di viaggio sull’archeologia industriale” e “Good morning… good night. Cinque artiste e una curatrice dall’Iran”, “Mostra Iconografica sulla fine della Prima Guerra Mondiale” (tutte con orario 10 – 13 e 15 – 19).
Ingresso gratuito anche al Museo Civico, dove, oltre alla tradizionale visita, verrete accompagnati alla scoperta della mostra “Carlo Vidua, una vita in viaggio – Dal Monferrato all’estremo Oriente” che permette di ammirare straordinari oggetti, libri e documenti raccolti dal viaggiatore monferrino all’inizio dell’Ottocento.

A Tortona l’ufficio Beni Culturali della Diocesi propone un itinerario alla scoperta dei luoghi del sacro, con partenza alle 15. Il tour è legato alla mostra temporanea al Museo Diocesano di Tortona “I Boxilio, una famiglia di pittori tortonesi tra il ‘400 e ‘500” L’esposizione vuole valorizzare le opere dei due fratelli Manfredino e Beltramo Boxilio e dei rispettivi figli, Franceschino e Giovanni Quirico. L’itinerario partirà quindi dal Museo per allargarsi al territorio diocesano e offrire un interessante sguardo sui diversi edifici ecclesiastici dove operarono i Boxilio. L’itinerario prevede tappe alla pieve di Santa Maria a Novi Ligure, all’abbazia di Santa Maria a Rivalta Scrivia, alla Pieve di San Pietro a Volpedo, alla Chiesa di Santa Maria a Pontecurone e nella Sala Capitolare della Collegiata di San Giovanni a Casei Gerola.

Alle 15, al Teatro San Francesco di Alessandria, si replica la “Divota Cumedia, tradizionale appuntamento delle festività alessandrine a cura dell’Associazione “San Francesco”, dove fede, arguzia popolare e bonaria ironia si coniugano felicemente nella messa in scena delle vicende della famiglia del pastore Gelindo. I biglietti in prevendita si possono acquistare un’ora prima degli spettacoli. Il ricavato sarà devoluto come sempre alle attività dei francescani.

Appuntamento al Teatro Besostri di Mede alle 16 con uno spettacolo della compagnia teatrale “Gli Instabili”, accompagnato dalle musiche dei Pooh. Questa storia rivisitata, tratta dal celebre libro di Collodi, pubblicato nel 1881, è estremamente attuale, poiché parla di solitudine, di coscienza, dell’ingenuità dei bambini, delle cattive compagnie e dei sacrifici che ogni genitore fa per il proprio figlio.

Al teatro Alfieri di Asti, alle 16, la compagnia Arione De Falco presenta Oggi. Fuga a quattro mani per nonna e bambino”.  Lo spettacolo racconta di un incontro tra generazioni lontane: Marco, bambino di sette anni, decide un giorno di scappare di casa, esasperato dalla rabbia. Lina invece i suoi sette anni li ha compiuti almeno dieci volte ma anche lei è scappata. Questa è l’avventurosa e rocambolesca fuga a quattro mani di un bimbo e di un’anziana signora che senza saperlo si stanno cercando. È la storia di due generazioni lontane che si prendono per mano in una notte di luna, iniziano a camminare insieme e a riempire la memoria d’amore e giochi, il presente di divertimento e il futuro di “sono qui per te”.

Alle 16.30 al Museo Etnografico di Alessandria C’era Una Volta” si torna indietro nel tempo con gli abiti della signora Luciana Lasagna, che ci porterà fino agli ultimi anni del 1800. I vestiti saranno indossati con grazia dalle signore della Bioss.