ALESSANDRIA – Sabato si è svolta l’assemblea della associazione “SíAmo Alessandria”. Tanti i temi trattati: dalle criticità ambientali, a quelle sociali, fino allo sviluppo socio-economico di cui Alessandria ha bisogno. Ma soprattutto il tema dominante è stata la ricerca di idee, proposte e iniziative concrete per ‘aiutare Alessandria’ a riprendere vigore e smalto.

“Stop alle lamentele fini a se stesse”,basta denigrare autolesionisticamente la città che amiamo”: questo è stato il mantra della serata. “Alessandria necessita del contributo fattivo e generoso di tutti: imprenditori, associazioni, aziende, volontari e semplici cittadini”.

L’assemblea ha chiesto a gran voce che, oltre alle criticità note, come la pulizia della città e maggior sicurezza, si investa sul sociale, si focalizzi l’attenzione sulle tante famiglie alessandrine in grave crisi economica. Le riunioni si ripeteranno a cadenza mensile in tutte le circoscrizioni del territorio comunale.

La prossima iniziativa, considerato che “SíAmo Alessandria” è anche una associazione culturale, consiste in una originale mostra di pittura il 26 novembre al Melchionni-Caffè.

Erano presenti gli assessori Giovanni Barosini e Silvia Straneo, oltre ai consiglieri Bianchini e Onetti, che tradurranno le proposte emerse in atti da sottoporre al Consiglio comunale. Insomma è stato un pomeriggio passato insieme, col preciso fine di costruire e cooperare.

Il direttivo composto da Enzo Abello, Barbara Rizzo, Rino Riggio, Caterina Poggio, Luigi Sfienti, Stefano Barbero, Marco Merlani, Matteo Banic, Valter Boriani, Piero Cartasegna, Luciana Lupano, Gabriella Maida.