TORTONA – Dopo tre sconfitte nelle prime tre giornate di campionato Bertram Derthona ha deciso di cambiare allenatore. Lorenzo Pansa è stato esonerato. Il coach è stato sollevato dall’incarico, a soli due giorni dalla sfida di mercoledì sera a contro Scafati.

La società bianconera ha contattato l’ex allenatore della Novipiù Junior Casale Marco Ramondino. “Tra questo lunedì sera e martedì mattina arriveremo a una decisione” ha sottolineato a Radio Gold l’amministratore delegato di Bertram Derthona Marco Picchiè in corso una trattativa per valutare se i nostri e i suoi obiettivi collimano. L’allenamento di lunedì sera è stato guidato dal vice allenatore Massimo Olivieri, confermato come tutto lo staff. Qualora non raggiungessimo un accordo con Ramondino sarà lui a sedersi in panchina mercoledì contro Scafati”.

A Tortona Ramondino ritroverebbe Brett Blizzard, già allenato a Casale e a Veroli.

adv-751

La società desidera ha fatto a Lorenzo Pansa il più sincero augurio per un prosieguo di carriera ricco di soddisfazioni e ulteriori successi. “Voglio salutare e ringraziare Lorenzo per averci accompagnato in un percorso di crescita, di soddisfazione e di risultati sportivi che non saranno mai dimenticati e che rimarranno negli occhi di ognuno di noi, simbolicamente, ogni volta che rivedremo la splendida Coppa Italia vinta insieme a Jesi ha poi aggiunto Picchi “La sua professionalità, la sua serietà e le sue qualità umane rimarranno patrimonio della mia persona e di tutta la società che oggi rappresento”.

“Il percorso della vita è un treno, con tutte le sue fermate” ha detto lo stesso ex allenatore dei leoni “Sono salito alla stazione di Tortona poco più di un anno fa, e durante questo viaggio ho conosciuto persone cui va tutta la mia stima e il mio ringraziamento come Marco Picchi e tutti i membri del CdA, oltre ovviamente ad un uomo come Luigino Fassino che raramente si incontra nel quotidiano. Inutile ringraziare i miei collaboratori di oggi e di ieri, che hanno profuso il loro massimo impegno per me e per raggiungere insieme i successi ottenuti. Purtroppo i risultati di oggi sono impietosi, così come le circostanze e le attenuanti ma si sa… Il rischio del mestiere è assumersi tutte le responsabilità, anche quelle non proprie. Ma scendendo dal treno, lo faccio con la serenità di chi ha pensato giorno e notte al Derthona e alle splendide persone che lo compongono. Lo faccio con il piacere di aver conosciuto il mondo dei Leoni, e finché non ci sei dentro non sai cosa vuol dire. Lo faccio con l’affetto per i tifosi che ci hanno sempre sostenuto, in primis i ragazzi dell’Area Bianconera. Lo faccio con l’orgoglio di aver lasciato qualcosa che né il tempo né le circostanze potranno mai cancellare: quella Coppa e quelle lacrime di gioia che rimarranno sempre impresse nella memoria e sui muri del PalaCamagna. Adesso è ora di scendere dal Treno, salutando tutti con un arrivederci alla prossima stazione”.

adv-86