ALESSANDRIA – Scatta la fase 2 della sanità alessandrina. Con gradualità, infatti, ripartiranno anche le attività dell’Asl di Alessandria non emergenziali e le visite negli ambulatori, a fronte però di regole precise. Resta sospeso, infatti, qualsiasi tipo di accesso diretto e non programmato negli ospedali. Saranno ammesse visite solo su prenotazione, saranno creati percorsi dedicati in entrata e in uscita dalle strutture per evitare assembramenti. Inoltre nessuno potrà accompagnare un paziente, a meno che non si tratti di una persona con disabilità, un minorenne o donne incinte. Tutti gli utenti saranno preliminarmente chiamati al telefono per rispondere ad alcuni brevi domande sulle proprie condizioni di salute, riproposte poi in ospedale prima della prestazione ambulatoriale. All’interno dei presidi sarà obbligatorio l’uso della mascherina e l’igienizzazione delle mani. Su Radio Gold l’intervista al direttore sanitario Asl Alessandria Federico Nardi.

adv-278