ALESSANDRIA – Con l’ingresso del Piemonte in zona arancione è arrivata una nuova stretta. A essere maggiormente colpiti, ancora una volta, bar, ristoranti e pasticcerie che tornano chiusi e possono operare solo con l’asporto e le consegne a domicilio. Per i bar la beffa, secondo molti, è stata doppia con l’introduzione del divieto di asporto a partire dalle 18. Una scelta, quella fatta dal governo, per evitare assembramenti e aperitivi improvvisati come se ne sono visti in tutta Italia. Stefania Antonini, titolare dello storico Bar Carpano di Alessandria, ha però lanciato un grido d’allarme perché, come spiega, questa ennesima chiusura “potrebbe diventare quella definitiva per le piccole attività“.

Video tratto dalla pagina Facebook del Bar Carpano di Alessandria.

adv-413