TORTONA – Una storia di crescita, sperimentazione ma anche e soprattutto di grande legame con il territorio. Cantine Volpi ha presentato la nuova etichetta 914, venuta alla luce durante il periodo difficile della pandemia ma anche con tanti risvolti romantici. La nuova bottiglia è stata presentata a Tortona nel raffinato ristorante di Anna Ghisolfi, il modo migliore per tornare a brindare davvero e dimostrare l’affetto per le colline tortonesi e soprattutto per gli agricoltori della zona. La famiglia Volpi infatti salderà con largo anticipo, entro il 15 dicembre, i viticoltori che forniscono le uve alla cantina. Un modo per aiutare un settore agricolo in forte difficoltà a causa dell’emergenza di questi anni, causata dal covid ma segnata anche dalle molteplici condizioni meteo avverse.

Ora si attende il risultato di un’annata difficile, è vero, ma dagli ottimi presupposti. Nell’attesa Cantine Volpi ha svelato il risultato della vendemmia delle uve pinot nero del 2018, raccolte a mano,  e divenute la nuova etichetta, 914, esordio del marchio nel Metodo Classico.

 

adv-724