ALESSANDRIA – “Viviamo al freddo da un mese, non è giusto”. Jamila e Zagri sono solo due dei tanti inquilini dello stabile in via Cesare Battisti 46, al quartiere Cristo di Alessandria. Come hanno riferito alla nostra redazione, purtroppo, dal 15 ottobre circa 40 famiglie non riescono a usufruire dell’acqua calda e del riscaldamento. “Scaldo l’acqua nelle pentole per lavarmi, non possiamo resistere” ha sottolineato Jamila, una donna con disabilità e costretta a spostarsi sulla carrozzina. Lo stesso sta facendo Zagri che, però, una settimana fa si è rotto il polso perché è scivolato nel bagno, dopo che una pentola piena d’acqua gli è sfuggita di mano.

Su Radio Gold Tv è intervenuta anche l’architetto dell’Agenzia Territoriale per la Casa Anna Cassiano, spiegando l’origine di questi disagi: “Il problema riguarda la tubazione, da sostituire completamente. L’auspicio è completare i lavori entro Natale al massimo. Si poteva partire prima coi lavori? Del senno di poi son piene le fosse. Quando si è presentato il problema la ditta all’epoca in carica mi aveva fatto presente il problema della perdita. Gli abbiamo dato fiducia e hanno fatto ben due interventi ma non hanno risolto il problema e dobbiamo rifare tutto. D’altra parte, sbagliando si impara”. 

adv-108