ALESSANDRIA – In vista dell’assemblea annuale degli imprenditori associati, in programma venerdì, il presidente di Confapi Industria Alessandria, l’associazione della Piccola e Media Industria, Antonino Giustiniani ha fatto il punto sulla situazione locale e internazionale dell’economia, condizionata dal recente conflitto in Ucraina. Se dal punto di vista del territorio, infatti, Giustiniani ha rimarcato la “bassissima richiesta di cassintegrazione delle nostre imprese”, in generale i continui rincari delle materie prime e dell’energia potrebbero comportare, entro fine anno, a “una significativa riduzione del Pil e una riduzione dei consumi. Di solito sono ottimista ma in questo caso il mio ottimismo vacilla, a fronte di queste difficoltà e incertezze”. “Stiamo attraversando una crisi congiunturale, si stringono i denti e si va avanti ma” ha rimarcato il presidente Confapi Alessandria “occorre una soluzione europea. Servono strumenti coordinati a livello continentale, come è avvenuto per il covid col Recovery Fund. Purtroppo sembra chiaro che la guerra non finirà domani, si sta cronicizzando, così come i suoi effetti. L’Europa ha ancora una volta l’occasione per dimostrarsi utile, attraverso soluzioni condivise”. Giustiniani ha poi sollecitato il Governo: “In questo momento l’esecutivo di Draghi sta zoppicando, è poco operativo. Questo stillicidio non aiuta nessuno. Se si deve andare avanti così sarebbe meglio anticipare le elezioni politiche a settembre, anziché nel 2023”. 

Dal punto di vista locale, infine, il presidente di Confapi Alessandria ha definito una “grande opportunità da cogliere” il polo logistico che potrebbe sorgere al quartiere Europa di Alessandria: “Farebbe diventare Alessandria una grande realtà in Europa, tutto questo è legato allo sviluppo del porto di Genova, uno dei più importante d’Italia. Lo stesso discorso vale per il Terzo Valico. Garantiranno posti di lavoro. Dobbiamo spingere affinché queste opere si realizzino nel più breve tempo possibile. Le critiche dell’opposizione rispetto alla sua collocazione? Non voglio entrare nella campagna elettorale ma ribadisco che il polo logistico rappresenta una grande opportunità di sviluppo e noi imprenditori non possiamo essere contrari allo sviluppo”. 

adv-344