ALESSANDRIA – Anche da Alessandria si è alzato un “No” forte alla guerra. L’invasione dell’Ucraina ha portato in piazzetta della Lega, sabato 26 febbraio 2022, tante associazioni e cittadini. In mezzo a loro anche diversi ucraini, con gli occhi lucidi di chi è finito improvvisamente nel terrore, senza un senso, senza un perché. Molti di loro hanno parenti, genitori, fratelli e sorelle a chilometri di distanza e non possono fare nulla se non aspettare. Sotto scacco dei “capricci” di una persona, Putin, che però scherza con vite vere. Per questo, hanno spiegato i manifestanti, farsi sentire è necessario oltre che un dovere.

adv-827