ALESSANDRIA – Se ogni cosa avesse un senso, almeno ai nostri occhi, sarebbe tutto più semplice, eppure ci sono situazioni in cui davvero è impossibile trovare una spiegazione. La tragedia dei fratelli Breggion è qualcosa che questa domenica, 7 agosto 2022, ha lasciato smarrite e incredule tantissime persone, a cominciare dalla mamma Tiziana. I due figli, Simone prima, e Marco, sono morti a distanza di un mese l’uno dall’altro e così, in poco tempo, tutte le certezze si sono sgretolate. Una mamma si è trovata davanti un destino terribile e spietato, le persone che li conoscevano hanno perso punti di riferimento importanti. A Casalbagliano, questa domenica 7 agosto 2022, moltissime persone hanno così voluto pregare e ricordare due persone che in tanti adesso immaginano insieme da qualche parte: due fratelli ritrovati lontano da qui, da un luogo che non è più il loro, è vero, ma nuovamente vicini. Familiari, amici, semplici cittadini commossi per una storia straziante, hanno provato a colmare con la loro presenza una assenza inspiegabile. Parole e preghiere a Casalbagliano, nel giorno del ricordo di due persone strappate alla vita, ma ogni parola di conforto rimane leggera e pesante allo stesso tempo in un giorno in cui l’estate, purtroppo, è diventata inverno. Ed è per questo che, ha spiegato il parroco della chiesa di Casalbagliano, oggi “bisogna stare vicini a mamma Tiziana, a tutti coloro che soffrono per questa tragedia. Da oggi siamo e siete tutti amici di Tiziana“.

Messa a Casalbagliano per Marco e Simone Breggion – Foto di RadioGold

adv-434