PROVINCIA – A circa dieci giorni dalla tragedia di Corinaldo Radio Gold Tv ha chiesto al Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco Claudio Giacalone come funzionano le procedure di controllo e verifica dei locali. I Vigili del Fuoco gestiscono la prevenzione incendi e fanno parte della Commissione di Vigilanza che analizza anche altre importanti discriminanti (impianti elettrici, tenuta statica, acustica, aspetti igienico sanitari e tanto altro). Si sottopongono a questi controlli quelle strutture che ospitano più di 100 persone e che si estendono su oltre 200 metri quadrati. Tanti i parametri da considerare: ad esempio, una porta antincendio larga 120 centimetri può far defluire al massimo 100 persone al piano terra. In caso di capienza pari a 300 persone servono almeno tre porte, collocate in posizioni ragionevolmente contrapposte. Se il locale si sviluppa su due piani, il limite delle persone a porta scende da 100 a 75. Un locale che ospita oltre 300 persone, inoltre, deve disporre di idranti, non solo di estintori. “Su Corinaldo? Premesso che non ho informazione dirette ma se il locale era stato dichiarato agibile era sicuro. La gestione della sicurezza spetta ai responsabili. In questo caso sembra che l’affollamento delle persone fosse superiore alla capienza“.

adv-86