ALESSANDRIA – La proposta di legge con prima firmataria l’Onorevole Federica Daga, sulla disciplina delle gestioni del servizio idrico, preoccupata gestori, sindaci e territorio. Questo è quanto emerso durante un confronto pubblico all’Amag ad Alessandria. Alla base del progetto di legge c’è “un ritorno alla gestione diretta da parte dei Comuni, rilanciando il modello dell’azienda speciale e trasformando le società per azioni e a responsabilità limitata (a totale o parziale controllo pubblico) in enti di diritto pubblico”. Tutto questo metterebbe in difficoltà soprattutto i piccoli Comuni e a cascata le famiglie. Per questo dal confronto è emersa l’esigenza di una discussione e un confronto prima di qualunque decisione.

adv-528