ALESSANDRIA – Quasi un mese dopo la tragedia di Quargnento al Comando dei Vigili del Fuoco di Alessandria si è celebrata Santa Barbara, la patrona del Corpo Nazionale, la Santa che rappresenta la capacità di affrontare il pericolo con fede, coraggio e serenità anche quando non c’è alcuna via di scampo. Una ricorrenza intrisa di cordoglio e commozione, per ricordare in particolare le vite spezzate di Marco Triches, Antonino Candido e Matteo Gastaldo.

Come ogni anno è stata deposta una corona di fiori davanti alla statua della Santa e alla stele dove sono elencati i nomi dei pompieri caduti in servizio. Alla cerimonia erano presenti anche alcuni familiari di Marco, Matteo e Antonino, oltre ai colleghi feriti. Il Vescovo Guido Gallese ha anche benedetto i mezzi, compresa l’ambulanza della Croce Verde, dedicata proprio ai Vigili del Fuoco che non ci sono più. A seguire le autorità civili, militari e religiose e tanti cittadini si sono spostati nella rimessa, dove è stata celebrata la Santa Messa.

adv-712