Rispetto ai soli cinque appuntamenti della prima edizione la stagione è oggi enormemente cresciuta, grazie innanzitutto al progresso della cultura organaria ed organistica. La scarsa considerazione riservata al patrimonio organario storico è stata abbondantemente rivista, tanto che oggi si fa a gara nell’impiegare e nel suonare strumenti quanto più antichi possibile, anche se alcuni credono ancora che il valore di un organo si misuri solo in termini quantitativi (numero delle tastiere, dei registri o dei congegni elettrici). Questo non è affatto vero: per quanto bello, ampio e comodo possa essere uno strumento moderno il suo suono raramente riesce ad uguagliare quello di un organo antico ben restaurato.

Quest’anno il “cartellone” comprende numerose sedi nuove o da lungo tempo desuete, corrispondenti quasi alla metà degli appuntamenti; repertori ed organici insoliti come il quartetto di tromboni e la grande particolarissima formazione del concerto di Novi Ligure, dedicato interamente al repertorio del ‘900 per organo, coro e strumenti.

Domenica 17 settembre, ore 17.

Alla pinacoteca di Voltaggio,

nel Convento e Quadreria dei Frati Cappuccini

Elena Bertuzzi, soprano e Umberto Forni, organo terranno il concerto

“ Arie e cantate a voce sola del ‘600 italiano”

 

Aura soave (1601)                                                                                                                      Luzzasco Luzzaschi

Aria detta “La Frescobalda” (1627)                                                                                    Girolamo Frescobaldi

Usurpator tiranno (1633)                                                                                                           Gio. Felice Sances

Lamento: Appresso à i molli argenti (1654)                                                                                Barbara Strozzi

Partite sopra La monica (1664)                                                                                                  Bernardo Storace

Ho sciolto i miei lacci (Ms, fine XVII sec.)

Ha, que l’absence                                                                                                                              Antonia Bembo

Informazioni:  Associazione amici dell’organo

Tel. 0131 254421

www.amicidellorgano.org