CELLA MONTE – Riccardo Coppo riesce a ricordare e raccontare in maniera lucida tutti i movimenti delle quattro persone che giovedì mattina sono entrate nella sua azienda agricola a Cella Monte armate di una pistola e hanno tenuto per interminabili minuti in ostaggio anche due sue amici e il suo assicuratore. I quattro malviventi durante la rapina non hanno usato violenza ma quando torna l’immagine di quella pistola e il pensiero corre a sua moglie e sua figlia, a cosa avrebbero potuto fare quegli uomini, la paura di Riccardo Coppo diventa terrore.