ALESSANDRIA – È “un vero specialista della Stradale“. Così il Questore Andrea Valentino ha descritto il Vice Questore Aggiunto Paolo Di Quattro, nuovo Dirigente della Polizia Stradale di Alessandria. Assegnato alla Polstrada appena terminato il corso quadriennale per Allievi Commissari, da allora, non l’ha più lasciata.

Entrato in Polizia nel 1988, Di Quattro, romano 49 anni, ha svolto gran parte della sua carriera in Lombardia, prima come funzionario del Compartimento Polizia Stradale di Milano e poi come Dirigente del COA di Novate Milanese.  Dopo aver diretto la Stradale di Lodi dal 1997 al 2002 e successivamente quella di Varese, nel 2006 venne trasferito in Toscana per guidare gli agenti della Polstrada di Lucca. Negli ultimi 8 anni Paolo Di Quattro ha diretto la Polizia Stradale di Perugia, dalla scorsa estate impegnati anche a fronteggiare le conseguenze del violento sisma, e ora ha ufficialmente raccolto il testimone lasciato da Marina Di Donato, a fine giugno promossa Vicario del Questore di Vercelli. Continua dopo il banner

adv-205

Alessandria non è comunque una città sconosciuta al nuovo Dirigente della Polstrada. Paolo Di Quattro, ha raccontato, era stato qui nel 1994. All’epoca era il “capo staffetta” dell’allora Ministro Maroni durante la visita nei territori piemontesi colpiti dall’alluvione. Ora è tornato ad Alessandria per guidare i 222 poliziotti della Stradale, suddivisi tra la sezione del capoluogo, i quattro distaccamenti di Serravalle, Tortona, Acqui Terme e Valenza e le tre sottosezioni autostradali di Alessandria Ovest, Ovada e Casale. Un lavoro impegnativo quello che attende Di Quattro. Come ricordato dal Questore, quella dell’alessandrino è una delle sezioni della Stradale più importanti a livello nazionale, perché crocevia delle arterie stradali e autostradali che portano a tre delle principali città del Nord Italia: Torino, Milano e Genova.